L’Orvieto ammirata e declamata dai poeti e dagli scrittori. Una selezione di versi di poesie e frasi di brani letterari tratti dalla letteratura di ogni tempo avente per tema Orvieto e l’Orvietano.

Martedì 28 luglio – ore 21.00

Chiesa di San Giacomo – Piazza Duomo, Orvieto

Orvieto vista, vissuta, immaginata

Le parole di scrittori, poeti, viaggiatori

LETTURE E MUSICA 

Lettura di poesie ed emblemi letterari sulla città di Orvieto e sull’Orvietano:
dallo Pseudo-Aristotele a Pier Vittorio Tondelli.

Partecipano: Associazione Lettori Portatili, Claudio Bizzarri (Archeologo), Giuseppe Maria della Fina (Archeologo)

Musica del Maestro Lamberto Ladi “Medium Coeli Project”

Mostra, “Orvieto vista, vissuta, immaginata. Le parole di scrittori, poeti, viaggiatori”, selezione di versi di poesie e frasi di brani letterari tratti dalla letteratura di ogni tempo avente per tema Orvieto e l’Orvietano. L’allestimento resterà aperto fino a domenica 2 Agosto.

Degustazioni di Vino ed eccellenze Gastonomiche offerte da Coop. “OASI Agricola” e Az. Agr. Bio “Janas”

 

Chiesa di San Giacomo all’Ospedale

giacomo

Chiesa di S. Giacomo MaggioreSullo stesso lato si affaccia la chiesa di San Giacomo Maggiore, il cui aspetto è quello del rifacimento del 1835, ma la cui fondazione è coeva al Duomo, fu infatti consacrata nel 1291. È chiamata anche chiesa dell’Ospedale per la secolare contiguità e connessione con l’ospedale che deve la sua origine alla volontà di un prete, tale don Giovanni, che lasciò i suoi beni per ospitare e curare 12 poveri infermi.

Sorto nei secoli XII /XIII e accresciutosi nel tempo per le donazioni di molti cittadini orvietani è l’unico dei cinque ospedali per poveri e pellegrini di età medievale che ha continuato a svolgere la sua originaria funzione fino al 2000, quando è stato inaugurato il nuovo ospedale nel quartiere di Ciconia, che conserva il nome di Ospedale Santa Maria della Stella. Oggi l’edificio, in parte restaurato, è una delle sedi del Centro Studi Città di Orvieto.